AISOS ringrazia

aisos ringrazia_trasparente_piccola

AISOS ringrazia chi contribuisce alla lotta contro l’osteosarcoma.

Nel corso degli anni, molti personaggi ed enti del mondo dello spettacolo, della cultura, della musica e dello sport hanno creduto nel nostro lavoro e hanno deciso di sostenere le nostre campagne e i nostri progetti sul campo.

A loro va il nostro più sincero ringraziamento.

  • Al Prof.Giovanni Bollea, scienziato straordinario che ha costantemente contributo alle quotidiane battaglie dell’AISOS per l’affermazione dei diritti dei più piccoli che soffrono. Impareggiabile maestro, grande cittadino, padre e fondatore della Neuropsichiatria Infantile, e precursore oltre che innovatore di tale branca medica, il Prof. Bollea, nella sua lunga carriera, è stato promotore di innumerevoli iniziative a favore dell’infanzia facendo parte del Comitato d’Onore “Premio Unicef-dalla parte dei bambini”.
  • A STUDIO IMMAGINE Srl di Maurizio Carrano  per aver prodotto il primo Spot interpretato da Enzo De Caro come testimonial e il secondo interpretato dal maestro Pupi Avati, ed esserci sempre accanto per aiutarci a crescere…
  • Grazie a Gigi Proietti, testimonial della campagna di sensibilizzazione e raccolti fondi del 2014
  • Il Dott. Maurizio Castorina, Amministratore Delegato della Zambon Mondiale
  • Il comune di Sant’Eusanio Forconese per la donazione fatta: Valentina – volontaria Aisos, Giuseppe Tronca Antoniucci, il Sindaco avvocato Giovanni Berardinangelo e tutta l’amministrazione comunale
  • Le reti Rai e Sky: La vita in Diretta, Geo&Geo, Uno Mattina, La domenica sportiva, TG1, SKYTG24, SKYSPORT24.
  • Le radio e tutti i loro speaker: Radio MonteCarlo, Virgin Radio, Radio 105, RTL102.5, Radio1, Radio3, Radio Vaticana.
  • Grazie anche a tutte le agenzie di stampa e le testate giornalistiche online e offline, che hanno dato un importantissimo contributo nel divulgare il nostro progetto.

Grazie a tutti loro, alla loro notorietà e credibilità siamo riusciti ad attirare l’attenzione dell’opinione pubblica e dei media su una lotta così importante come quella contro l’osteosarcoma.